Supplementazione vitaminica in gravidanza

Quando si cerca un integratore vitaminico spesso non si sa cosa cercare e si ignora la sua composizione. Solo perché un integratore è etichettato come "del tutto naturale " non significa che sia sicuro o efficace. 

Prima di acquistare qualsiasi integratore in gravidanza è bene confrontarsi sempre con il proprio ginecologo. Se volete saperne di più, intanto potete leggere questo elenco di domande frequenti sulla supplementazione vitaminica. 

Che cosa è un integratore alimentare ? 

Gli integratori alimentari contengono vitamine , minerali, erbe , vegetali , enzimi , amminoacidi, o altri ingredienti alimentari. In genere si assumono per via orale in pillole, capsule, compresse o in forma liquida per integrare la dieta. 

Posso assumere integratori per conto mio , senza un medico ? 

I supplementi sono disponibili per la vendita da banco in farmacia o online senza prescrizione medica. Anche se si dovrebbe sempre consultare il medico prima di assumere qualsiasi prodotto, in quanto alcuni integratori possono causare effetti indesiderati o interagire ad esempio con altri farmaci o integratori che si stanno già prendendo. Questa raccomandazione è ancora più valida in gravidanza, durante l’allattamento, prima di subire un intervento chirurgico e per chi soffre di pressione alta, malattie cardiache e diabete. 

Quali domande dovrei fare al mio medico sulla supplementazione vitaminica? 

Chiedete al vostro medico se è necessario supplementare in base alle proprie condizioni di salute e alla dieta attuale. Chiedete anche quali benefici e rischi il supplemento può avere, quanto bisogna prenderne e per quanto tempo. Comunicate sempre al vostro medico quali integratori e farmaci si stanno prendendo. 

Quali sono i microelementi indispensabili per la donna in gravidanza? 

Non molti, ma preziosissimi: acido folico (vitamina B9) innanzitutto; un suo corretto apporto è indispensabile per prevenire difetti del tubo neurale e malformazioni cardiovascolari congenite nel feto; la supplementazione dovrebbe iniziare almeno un mese prima della gravidanza nella misura di 400 mcg al giorno. Anche la vitamina B12 è molto importante per il corretto sviluppo neurologico del bambino, soprattutto se la mamma è vegetariana; poi la vitamina C, insieme al ferro, in caso di deficit o tendenza all’anemia; e la vitamina D, insieme al calcio, per le ossa del bambino. Infine anche gli Omega 3 e lo iodio sono importanti nello viluppo delle capacità visive e cognitive e del sistema nervoso del feto.

In gravidanza quando si consiglia di assumere integratori? 

Generalmente una corretta supplementazione vitaminica in gravidanza è così distribuita:

  • acido folico (vitamina B9) da almeno un mese prima del concepimento fino a tutto il terzo mese di gravidanza
  • dalla sesta o settima settimana, specie se c’è vomito, fino al parto: integratori bilanciati di vitamine e sali minerali (vitamina B12, Vitamina D, iodio, DHA, ecc.) 
  • dal sesto mese in poi, se sono necessari: ferro (meglio se in unione a vitamina C e zinco per facilitarne l’assorbimento), calcio, magnesio. 

Qual è la differenza tra RDA e DV? 

Recommended Dietary Allowance (RDA) è la quantità di una sostanza nutritiva che si dovrebbe assumere ogni giorno sulla base di età, sesso, e se si è in gravidanza o allattamento. A volte nei foglietti illustrativi dei supplementi troviamo l'acronimo DV, che sta per valore giornaliero (Day Value). Questo valore rappresenta la quantità di una sostanza nutritiva che il supplemento offre rispetto alla dose consigliata giornaliera. Ad esempio, se un supplemento di calcio è etichettato "50% DV", contiene 500 mg di calcio per porzione, perché il DV per il calcio è 1000 mg al giorno. 

Cosa devo fare se ho un effetto collaterale da un supplemento? 

Segnalare immediatamente eventuali effetti collaterali al proprio medico.