X
GO
8 consigli per le donne che viaggiano in gravidanza

1. Ridurre lo stress 

C'è un modo sicuro per evitare lo stress di un viaggio durante la gravidanza: stare a casa per nove mesi. Ma quale sarebbe il divertimento? Utilizzando alcune semplici strategie è possibile ridurre le ansie di viaggio e ottenere il massimo dal viaggio. In primo luogo , organizzate tutto in anticipo: prenotate il vostro posto sull’aereo (preferibilmente in corridoio per facilitare le frequenti visite alla toilette), eventuali pasti speciali da richiedere a bordo e le sistemazioni a destinazione. In secondo luogo, viaggiate leggere. Preferite bagagli che si possono rotolare su ruote e portare facilmente con due mani . In questo modo , non sarete bloccate se nessuno vi aiuta e non rischierete complicazioni portando carichi troppo pesanti. Ricordate di prevedere sempre un piccolo bagaglio a mano con cibo, musica e un buon libro per il relax durante il viaggio. In partenza arrivate con largo anticipo in aeroporto o la stazione ferroviaria o degli autobus. Se viaggiate in auto, prendetevi tutto il tempo necessario per affrontare il percorso con calma. In questo modo, in caso di inevitabili ritardi, avrete sempre un margine per non affrettarvi e stressarvi. Infine , non dimenticate mai una buona dose di umorismo se restate bloccate in pista o nel traffico. 

2. Conservare l’energia 

Solo perché siete incinte non significa che non possiate fare una vacanza attiva o un viaggio di lavoro produttivo. È ancora possibile portare avanti molte delle vostre normali attività , sia che includono escursioni a piedi , visite a musei o mangiare fuori . Basta tenere a mente che probabilmente ci si muove meno velocemente di prima, quindi non vi aspettate di mantenere il ritmo consueto . E ricordate di inserire delle pause nel vostro programma, quando possibile: un bagno rilassante, un pisolino, portare in alto le gambe, una lettura sulla spiaggia, una cena in camera in albergo, sono tutti stratagemmi per sentirvi riposate e nello stesso tempo energiche durante tutto il viaggio. 

3. Mangiare e bere in modo intelligente 

Durante la gravidanza è doppiamente importante mangiare regolarmente e fare pasti salutari. In viaggio è una buona regola portarsi nel bagaglio a mano una serie di spuntini energetici, nutrienti e facili da consumare. Scelte intelligenti includono frutta a guscio, frutta secca e cracker con formaggio magro. Se dovete volare, chiamate la compagnia aerea per prenotare eventuali pasti speciali, come un piatto di frutta e verdura in aggiunta. Portarsi sempre dell'acqua in bottiglia e bere regolarmente, soprattutto sui voli a lungo raggio, in cui il pericolo maggiore è la disidratazione. Una volta arrivati a destinazione, mangiate ad intervalli regolari, scegliendo pasti equilibrati con abbondanza di frutta fresca, verdura e proteine. Cinque o sei piccoli pasti al giorno sono perfetti rispetto a 3 grandi: mangiare poco e spesso abbassa le probabilità di bruciore allo stomaco. Se siete in viaggio in un paese straniero bevete solo acqua in bottiglia. Ricordate anche di evitare le verdure crude e di mangiare solo la frutta da voi sbucciata. 

4. Pianificare le pause toilette 

In dolce attesa si corre al bagno tre o quattro volte più spesso del solito. Le toilette sull’aereo sono piccole e strette e i servizi igienici pubblici possono essere sporchi, così quando vi capita di arrivare in un bagno pulito e confortevole, mi raccomando, usatelo! Non sai mai quando e dove capiterà la prossima occasione. Cercate di pianificare in anticipo il più possibile le pause bagno. Approfittate delle toilette degli autogrill durante i viaggi in auto e, prima di imbarcarsi sull'aereo, fate sempre un pit stop preventivo. Alcune donne trovano utile portare con se carta igienica di emergenza, salviette sanitarie e detergente antibatterico per le mani. Se in aereo il corridoio è il posto più comodo per raggiungere il bagno, in treno i posti nella parte anteriore o posteriore sono di solito i più vicini ai servizi igienici. Infine ricordate di indossare abiti che in bagno possono essere tolti rapidamente. 

5. Coccolare piedi e gambe 

Stare seduti per lunghi periodi di tempo può portare a piedi e caviglie gonfie e crampi alle gambe. Perciò quando siete alla guida in auto fate pause almeno ogni 90 minuti per allungare e camminare. Se invece siete in aereo, in treno o in autobus e c’è un posto vuoto vicino a voi, approfittatene per distendere gli arti inferiori. Quando si vola ricordatevi di togliere le scarpe e di indossare un paio di calzini spessi e comodi, anche per passeggiare. Sollevate le gambe appoggiando i piedi sul vostro bagaglio a mano sotto il sedile di fronte a voi. La gravidanza infatti mette a dura prova la vostra circolazione, con il rischio di trombosi (formazione di coaguli di sangue) e vene varicose, rischio che aumenta se si sta seduti per ore. Non state mai ferme per lunghi periodi di tempo: cercate di fare semplici tratti ogni 30 minuti. Provate anche questo esercizio sedute o in piedi: estendete la gamba (tallone per prima) e flettete il piede per allungare i muscoli del polpaccio. Poi, sedute, ruotate le caviglie e muovete le dita dei piedi. Se siete inclini a vene varicose, indossate dei collant contenitivi, che alleviano gonfiore e dolore alle gambe comprimendo strategicamente le vene per mantenere il sangue che scorre. In viaggio indossate sempre scarpe comode: le migliori sono quelle con un plantare sagomato per aiutare a prevenire dolori e una suola spessa antiscivolo e resistente per una buona trazione e sostegno. Dimenticate tacchi alti e a spillo e portate sempre un paio di scarpe in più per dare ai vostri piedi varietà e respiro. 

6. Viaggiare informati sulle vaccinazioni 

Evitate di andare in luoghi in cui il rischio di malattie è elevato, la qualità dei servizi sanitari locali è inaffidabile e la sicurezza degli alimenti e dell'acqua è discutibile. Se si ha intenzione di recarsi in un paese che si trova in queste circostanze, occorre parlare con il medico su eventuali vaccini che si possono preventivamente. Inoltre, le donne incinte devono avere una protezione prenatale sia per la rosolia che per l'epatite B, nonché una valutazione prenatale per la varicella. Questi vaccini vanno fatti molto prima di restare incinta e non durante la gravidanza, in quanto c’è il pericolo di infettare il feto con la malattia. Alcuni vaccini, come quelli per il tetano sono invece considerati sicuri e sono raccomandati per le donne incinte a rischio di contrarre queste malattie. Invece la sicurezza del vaccino contro la febbre gialla durante la gravidanza non è nota, ed è quindi raccomandato di evitare viaggi nelle zone affette da questa malattia. 

7. Attenzione alle candidosi 

La gravidanza rende suscettibili alle candidosi che si sviluppano soprattutto in ambienti caldo-umidi. Per scoraggiare questo tipo di infezioni usate abiti leggeri, larghi, traspiranti, biancheria intima di cotone . Evitate jeans e pantaloni stretti. Dopo una nuotata, cambiatevi subito il costume umido. Prima di un viaggio, fatevi consigliare dal medico un’eventuale crema antimicotica da usare in caso di necessità. 

8. Evitare le attività rischiose 

L'American College of Obstetrics and Gynecologist (ACOG) raccomanda che le donne in gravidanza evitino sport di contatto, così come quelli ad alto rischio di caduta. Ciò significa che in vacanza non dovete fare snowboard, sci, pattinaggio su ghiaccio, equitazione, sci nautico, surf. Tra l’altro evitate le attività che potrebbero causare traumi al vostro addome. Anche l’attività subacquea è pericolosa per il rischio di bolle d'aria che si possono formare nel sangue. Scivoli e giostre sono a rischio, come pure atterraggi forti e fermate improvvise. Inoltre, fate attenzione a non rimanere nella vasca calda per troppo tempo perché alcuni studi dimostrano che aumentando la temperatura durante la gravidanza si incrementa il rischio di difetti alla nascita. Infine, le donne in gravidanza a rischio devono evitare gli sforzi fisici. Attività sicure sono: camminare, nuotare in acque calme, lo yoga dolce. Parlate sempre con il vostro medico delle attività che vi sono consentite in tutte le fasi della gravidanza. 

Una raccomandazione finale sempre valida: Ascoltare il vostro corpo. Se vi sentite stanche, surriscaldate, o semplicemente a disagio durante l'attività fisica, rallentate o fermatevi.