03/12/2014 - Un test delle urine predice il rischio di parto prematuro

Oggi è possibile sapere se si avrà un parto prematuro o se durante i primi mesi di gravidanza il feto cresca a velocità adeguata o meno.

Un recente studio dell’Imperial College di Londra e dell’Università di Creta, pubblicato su BMC Medicine, svela come nelle urine delle donne incinte, siano presenti delle molecole particolari, i metaboliti, che indicano il rischio di parto pretermine o addirittura se il bambino cresce poco nei primi tre mesi di gravidanza.

Delle urine di 438 donne incinte, gli esperti hanno analizzato il livello di lisina, che sarebbe la principale responsabile di parto prematuro. Il test è stato effettuato in occasione della prima ecografia, quindi al terzo mese di gravidanza. Un basso livello di metaboliti nelle urine sarebbe inoltre indice di un aumentato rischio di diabete.  

Infine la diminuzione dei livelli di un terzo gruppo di molecole, composto da acetato, formiato, tirosina e trimetilammina, è stata associata ad uno scarso sviluppo fetale. 

Questo studio mostra che l’identificazione di donne ad alto rischio di parto prematuro potrebbe migliorare sensibilmente la gravidanza, con poco stress per le mamme che dovrebbero sottoporsi solo a un test delle urine.


FONTE: AGI