X
GO
Depilarsi in gravidanza: quali opzioni sono consigliabili?

Gli ormoni della gravidanza fanno crescere i peli del corpo non solo più spessi ma anche in luoghi inaspettati e indesiderati (come ascelle, inguine, sopra le labbra, in pancia e a volte nei capezzoli). Ci sono però alcuni metodi di rimozione dei peli durante la gravidanza che vanno evitati e altri che invece sono considerati sicuri.

Fortunatamente, la peluria extra è solo temporanea: circa sei mesi dopo il parto la crescita dei peli superflui dovrebbe tornare alla normalità. Fino ad allora, ecco una serie di consigli sulla depilazione in gravidanza.

Uso delle pinzette

Per piccole depilazioni - come modellare le sopracciglia, rimuovere i fastidiosi peli dal mento, dai baffi e quelli occasionali dai capezzoli – le pinzette sono probabilmente la migliore opzione. Le pinzette non richiedono l’uso di sostanze chimiche o procedure mediche e sono per questo sicure durante la gravidanza.

Rasatura

Per rimuovere i peli superflui dalle aree del corpo più ampie, si può utilizzare il rasoio. Sia i rasoi manuali che i rasoi elettrici sono sicuri da usare, ma assicuratevi di usare sempre una nuova lama in modo da avere meno probabilità di ferirvi. Non condividete il rasoio con il partner, in quanto vi potrebbe esporre ad infezioni. Quando vi radete le gambe, fatelo con cura (con molto gel da barba che protegge dal graffio), stando attente a non perdere l’equilibrio e al fatto che forse il pancione vi impedisce la visibilità. Invece evitate di radervi sotto la doccia, dove è troppo facile perdere l'equilibrio. Se è possibile fatevi aiutare dal partner o da un’amica.

Ceretta

La ceretta fornisce una soluzione a lungo termine ai problemi dei peli superflui e va bene se la gravidanza non ha reso la pelle troppo sensibile. Tra l’altro la cera non dovrebbe mai essere usata su naso, orecchie o capezzoli; su vene varicose, nei o verruche; o sulla pelle irritata, screpolata o bruciata dal sole. Consultate il medico prima di fare la ceretta per scoprire se c'è un motivo specifico per cui non sia raccomandata durante la gravidanza.
Man mano che la pancia cresce, probabilmente si avranno più difficoltà a vedere e raggiungere alcune parti del corpo, quindi meglio affidarsi ad una estetista per la rimozione dei peli durante la gravidanza. Assicuratevi che il centro estetico che scegliete sia pulito (e di questi tempi sanificato); l’estetista deve indossare guanti e utilizzare sempre una nuova spatola tra le applicazioni per evitare la condivisione di germi e infezioni tra i clienti. In genere l’estetista testerà prima la cera su una piccola porzione di pelle per vedere se crea irritazione e userà una lozione antisettica lenitiva prima e dopo la ceretta per diminuire l'irritazione, attenuare gli arrossamenti e aiutare a prevenire le infezioni.

Creme e altri prodotti per la depilazione

Sebbene creme, gel, lozioni, spray e roll-on per la depilazione possano sembrare un'opzione facile, la scienza non è ancora in grado di stabilire se siano sicuri durante la gravidanza. Questi prodotti contengono principi attivi come il solfuro di bario in polvere e il tioglicolato di calcio, che agiscono sulla struttura proteica del capello, facendolo dissolvere in una massa gelatinosa che può essere rimossa dalla pelle. Le sostanze chimiche hanno un odore distinto, che è in genere molto sgradevole e in rari casi è noto per causare una reazione allergica. Quindi, sebbene non ci siano prove che dimostrino che le creme depilatorie sono dannose per lo sviluppo dei bambini, probabilmente è meglio saltarle fino a dopo il parto. In ogni caso chiedete sempre il parere del vostro medico prima di utilizzarle.

Decolorazione dei peli

Non è sicura. Questo tipo di prodotti contengono sostanze chimiche o candeggina che possono essere trasmesse al bambino. Meglio saltare questa opzione fino all'arrivo del vostro bebè.

Epilazione laser ed elettrolisi

Le soluzioni di depilazione permanente come il laser e l'elettrolisi possono essere pericolose durante la gravidanza. Con questo tipo di depilazione, la luce laser colpisce il pigmento nei capelli, danneggiando il follicolo pilifero per fermare la crescita futura. Con l'elettrolisi, una sonda metallica trasmette una scarica elettrica per distruggere il follicolo pilifero (particolarmente rischioso per le mamme in attesa, poiché il liquido amniotico che circonda il feto in via di sviluppo conduce l'elettricità). Conclusione: è meglio aspettare ad utilizzare questi metodi fino a dopo il parto.

Fonti

  • What to Expect When You're Expecting, 5th edition, Heidi Murkoff and Sharon Mazel., National Institutes of Health, National Library of Medicine, Safety of Skin Care Products During Pregnancy, June 2011.
  • com, Pregnancy Nail and Hair Growth, July 2018.