X
GO
Essere consapevoli della propria fertilità: il ciclo mestruale

Come si fa a capire quando si è fertili e quando no?

Il primo passo nella strada che porta al concepimento è la consapevolezza della vostra fertilità e dunque del vostro ciclo mestruale.

Essere consapevoli del ciclo mestruale e dei cambiamenti che avvengono nel corpo della donna durante questo periodo può aiutare a sapere quando è più probabile restare incinta.

Come funziona il ciclo mestruale? 

Un ciclo mestruale medio dura circa 28 giorni. Ma i cicli normali possono variare da 21 a 35 giorni.

Il tempo che trascorre prima dell'ovulazione è diverso in ogni donna e può anche cambiare di mese in mese nella stessa donna, variando da 13 a 20 giorni. Conoscere questo tempo all’interno del ciclo mestruale è importante perché è il tempo in cui si verificano l'ovulazione e la possibile gravidanza.

Dopo l'ovulazione (a meno che la donna non resti incinta o abbia disturbi specifici) trascorreranno circa 14-16 giorni, prima dell’inizio della mestruazione.

Cosa succede durante il tipico ciclo mestruale di 28 giorni?

Il primo giorno del ciclo inizia con il primo giorno della mestruazione. Il sangue e il tessuto che rivestono l'utero (utero) si rompono e vengono espulsi dal corpo. Per molte donne, il sanguinamento dura dai 4 agli 8 giorni. I livelli di ormoni sono bassi, ed in particolare i bassi livelli di estrogeni ormonali possono far sentire depresse o irritabili.

Giorni 1-5

I follicoli, piccole cavità a forma di sacco, si sviluppano nelle ovaie. Ogni follicolo contiene un uovo.

Giorni 5-8

Un solo follicolo continua a crescere mentre gli altri vengono riassorbiti nell'ovaio. I livelli di estrogeni prodotti continuano ad aumentare e l’ottavo giorno il follicolo è diventato più grande. Di solito entro questo giorno il sanguinamento delle mestruazioni è cessato. Livelli più alti di estrogeni fanno sì che il rivestimento dell'utero cresca e si ispessisca. Il rivestimento uterino, ricco di sangue e sostanze nutritive, aiuterà a nutrire l'embrione in caso di gravidanza. L'estrogeno aiuta a stimolare le endorfine, che sono le sostanze chimiche del cervello "buone" che vengono rilasciate anche durante l'attività fisica. È un periodo in cui si può avere più energia e sentirsi rilassate o calme.

Giorno 14

Alcuni giorni prima del 14 ° giorno, i livelli di estrogeni raggiungono il picco e causano un brusco innalzamento del livello dell'ormone luteinizzante (LH), che fa esplodere il follicolo maturo e rilascia l’uovo dall'ovaio. Questo processo è chiamato ovulazione ed in genere si verifica il 14esimo giorno del ciclo. Una donna ha più probabilità di rimanere incinta se ha rapporti sessuali il giorno dell'ovulazione o, ancora meglio, nei tre giorni precedenti l'ovulazione. Infatti, gli spermatozoi possono vivere da tre a cinque giorni all’interno degli organi riproduttivi della donna, e l'uovo rilasciato dal follicolo sopravvive da 12 a 24 ore. Nei pochi giorni prima dell'ovulazione, i livelli di estrogeni sono al massimo. In questo periodo la donna può sentirsi meglio sia emotivamente che fisicamente.

Giorni 15-24

Durante la settimana successiva, le tube di Falloppio aiutano l'uovo appena rilasciato a spostarsi dall'ovaia verso l'utero. Il rivestimento uterino si addensa ancora di più grazie anche all’ormone progesterone. Se uno spermatozoo si unisce all'uovo nella tuba di Falloppio (processo chiamato fecondazione), l'ovulo fecondato continuerà a risalire lungo la tuba e si attaccherà al rivestimento dell'utero. La gravidanza inizia propriamente quando un ovulo fecondato si attacca all'utero.

Giorni 24-28

Se l'uovo non viene fecondato, si rompe. Intorno al giorno 24, i livelli di estrogeni e progesterone diminuiscono se non si è incinta. Questo rapido cambiamento nei livelli di estrogeni e progesterone può causare anche un cambiamento negli stati d'animo. Alcune donne si sentono irritabili, ansiose o depresse durante la settimana premestruale, altre no. Nella fase finale del ciclo mestruale, l'uovo non fecondato lascia il corpo insieme al rivestimento uterino, a partire dal primo giorno del ciclo successivo: inizio delle mestruazioni. E il ciclo ricomincia.

Fonte: Womenshealth.gov